Gilberto Torino, quella spalla da rimettere a posto

Inizi il campionato con l’ambizione di fare un ulteriore passo avanti, le prime gare ti danno fiducia, poi tutto si complica per un infortunio. Una stagione a dir poco travagliata per Gilberto Torino. «Sì, e anche difficile da portare alla fine quando non si sta bene. Soprattutto perché non si è capito subito, nonostante i mille esami fatti, di cosa si trattasse. Alla fine è una lesione della cartilagine della spalla: un problema leggermente grave per un battitore…».

E allora ha deciso di prendersi un periodo di stop dalla pallapugno giocata per concentrarsi sul recupero. «Tutti i medici che mi hanno visitato sono concordi sul fatto che un’eventuale operazione non darebbe garanzie, solo il fattore tempo aiuterà a migliorare la situazione, ovviamente abbinato a un percorso di riabilitazione per rinforzare e stabilizzare la spalla».
E dunque non sarà al via della prossima serie A. «Certo non è piacevole non disputare un campionato, ma adesso viene prima la salute. E poi non sarebbe stato onesto nei confronti di qualsiasi società promettere che sarei stato pronto in primavera. Non posso dare garanzie sui tempi e dunque mi fermerò. Penserò solo a curarmi finché non sarò completamente a posto. Immaginare di fermarsi di nuovo o di andare avanti a suon di antidolorifici non è più sport e divertimento. Non è un piacere. Certo, quando potrò, qualche pugno in gran segreto andrò a darlo la prossima estate, perché questa è una grande passione. E poi nel 2024 se sarò pronto e se qualcuno mi vorrà ancora, tornerò».
E allora Gil vedi di rimetterti al meglio…

Vedi anche

La Libertas Liguria premia Walter Beretta e Lorenzo Vinotto

C’era tanta pallapugno alla Festa dei Campioni Regionali Libertas che si è svolta nella Sala …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.