lunedì , 16 Settembre 2019
Home / Palla elastica / Il campionato italiano di palla elastica

Il campionato italiano di palla elastica

Parte il campionato italiano di palla elastica: le specialità sono molteplici, oggi se ne contano 8, ma non essendo possibile disputare un campionato per specialità, visto che il numero attuale delle formazioni non è certo elevato, la formula prevede che in ogni tappa del circuito si giochi con un regolamento diverso. La prima tappa è in Toscana, nei paesi di Vallico Sopra e Vallico Sotto, dove si gioca alla specialità locale, quindi tappa a Vignale il 30 e 31 agosto dove si giocherà la palla elastica bresciana (la più simile alla pallapugno) ed infine in Liguria, a Riva Faraldi il 14 e 15 settembre impegnati nella ciapetta, in pratica la pantalera fatta con la pallina da tennis rasata. Le prime quattro squadre classificate di ogni tappa prenderanno punti per la classifica finale che assegnerà il titolo nazionale.
A Vallico saranno presenti le squadre di San Maurizio, Vignale, Valle Arroscia (campioni d’Italia in carica), Lunigiana, Pariana e Vallico: dalle ore 11 di sabato mattino in due giorni non stop di palla elastica

Regolamento palla elastica di Vallico
– La palla è quella da tennis rasata.
– La battuta può essere effettuata sempre dalla stessa persona e deve essere fatta dopo avere fatto rimbalzare la palla in apposito spazio delimitato e colpendola dopo il primo balzo solo di mano (palmo aperto).
– Dopo tale azione di battuta la palla può essere colpita anche di pugno (questo solo nei campi con sufficiente dimensione ad esempio non a Vallico Sotto), altrimenti si prosegue a mano aperta, è valido solo il palmo ed avanbraccio, dorso e polso sono già fallo.
– La linea di fallo, per la battuta, dove viene segnata, è alla distanza massima di 15 metri dal fondo.
-Si può presentare 2 mani, anche congiunte per colpire la palla anche al volo o al primo balzo, la palla sarà valida, purché non tocchi entrambe le mani una dopo l’altra.
– Se al momento di colpire la palla, la stessa rimane palesemente trattenuta è fallo, sia colpendola con una mano che con due.
– La palla può uscire e rientrare in campo e può essere colpita purché non abbia fatto sul terreno di gioco più di un rimbalzo, se la palla rientra rotolando andrà fermata per segnare la caccia, la palla deve essere sempre colpita con i piedi in campo altrimenti è fallo, la palla può essere fermata per segnare la caccia solo in campo, fermando una palla che ha già fatto due rimbalzi fuori dal terreno di gioco si commette fallo.
– La caccia si segna dove: la palla ha rimbalzato l’ultima volta prima di uscire dal campo, nel punto esatto dove è uscita dal campo rotolando, dove viene fermata dal giocatore nella sua parte appoggiata a terra più arretrata o nel punto esatto dove viene fermata la palla se questa tocca terra.
– Si gioca in 4 per parte.
– Non è permessa protezione alle

Vedi anche

Palla elastica, nuovo titolo al Sabbio Chiese

Due giorni intensi a Diano Castello per le finali del campionato italiano di palla elastica. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.