‘One-wall il muro che unisce’, una grande festa a Nizza Monferrato

Atto finale al PalaMorino di Nizza Monferrato del progetto ‘One-wall il muro che unisce’ che ha visto coinvolti gli studenti degli Istituti di Nizza Monferrato e di Spigno Monferrato. In campo per il ‘Comprensivo’ di Nizza una squadra femminile, guidata dalla professoressa Monica Bovio (Laura Georgevska, Martina Gocevska, Maria Sofia Montaldo, Matilde Rota, Martina Santamaria, Antonella Veselinova e Lisa Wey), e una maschile, guidata dal professor Guido Traversa (Bernard Borio, Stefano Camera, Edoardo Hurbish, Angelo Masuzzo, Giovanni Mercenaro, Luca Pastorino, Valentin Savu, Andrea Scrivanti, Dejan Stojanov, Davide Vivalda). Due squadre, guidate dalla professoressa Raffaella Bosetti, anche per il ‘Comprensivo’ di Spigno: Noemi Gianoglio, Elisa Muzio, Marta Pippo e Alessia Vignali impegnate nei tornei femminili; Abdul Adam, Fuad Adam, Kire Ananjev, Gabriele Callegari, Alcidar Fernando, Giorgio Garruto e Gianluca Malfatto in quelli maschili. Per la cronaca, nel torneo misto di one-wall, vittoria di Spigno per 2 a 1 (11-7, 1-11, 11-0); mentre Nizza vince sia il torneo femminile (2-0 parziali  6-3, 6-1) che quello maschile (3-1 parziali 6-5, 6-5, 2-6, 6-4) di pallapugno leggera conquistando la Pignacento Cup. Soddisfatto Massimo Corsi, consigliere Fipap e ideatore di ‘One-Wall il muro che unisce’: «Giovani atleti di diverse etnie e culture in campo uniti dalla passione per gli sport sferistici, il PalaMorino gremito di ragazzi: è stato veramente emozionante. Voglio sottolineare la grande disponibilità dimostrata dai dirigenti scolastici Isabella Cairo e Felice Alotta, dai docenti  Raffaella Bosetti, Monica Bovio e Guido Traversa che hanno collaborato con l’istruttore federale Maurzio Trentin, direttore del progetto, nato dalla sinergia tra due società sferistiche: lo Sporting Club Nizza e la Mdm Valbormida. Un particolare ringraziamento ai Lions Club Nizza-Canelli, alla Pignacento, al Comitato di Acqui Terme del Centro Sportivo Italiano e alla Lega delle Società di Pallapugno che hanno creduto in questa iniziative. Contiamo di replicare il prossimo anno estendendo l’invito anche ad altri iIstituti di Piemonte e Liguria».

Vedi anche

Wallball, un campione australiano alla ‘cupola’ di Pontedassio

Vittorio Di Luzio, cognome italiano, ma cittadino australiano. Gioca a wallball da sempre: ha vinto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.