Home / In risalto / Le nuove norme per i campionati 2018

Le nuove norme per i campionati 2018

Sono state rese note nei giorni scorsi dal Consiglio Federale della Fipap le norme in vigore per il prossimo anno sportivo nei campionati Senior: il documento approvato è il frutto di un intenso lavoro di analisi e approfondimento ed è stato ufficializzato con largo anticipo per consentire un’ottimale programmazione da parte delle società. L’obiettivo è quello che le norme emanate assicurino campionati sempre più equilibrati, competitivi e spettacolari.

NUMERO DI SQUADRE – 10 per la Serie A e 12 per la B, che si affronteranno secondo la formula Bresciano. Nella seconda fase dei rispettivi campionati le squadre saranno suddivise in play off e play out (6+4 nella massima Serie, 6+6 tra i cadetta). Inoltre, sono stati inseriti dei criteri per gli eventuali ripescaggi a seconda del piazzamento delle squadre al termine dell’anno sportivo 2017.

MONTEPUNTI – 1.150 per la Serie A, 671 per la B, 307 per la C1 e 130 per la C2. Nella composizione delle squadre si dovrà tener conto del punteggio maturato dagli atleti nelle ultime due stagioni sportive. Sempre secondo tali punteggi alcuni battitori di Serie A godranno da uno a tre metri di vantaggio in battuta.

INSERIMENTO GIOVANI GIOCATORI – Dal 2018 non sarà più possibile schierare giocatori over 50 (nati prima del 1° gennaio 1968) in Serie A, mentre non sarà possibile far giocare atleti over 55 (nati prima del 1° gennaio 1963) in B, C1 e C2. Dal 2019 non si potranno più schierare giocatori over 50 anche nelle squadre di Serie B.

LIMITAZIONI SQUADRE – Dal 2018 una stessa società non potrà iscrivere due squadre nella medesima serie Senior, né potrà avere una squadra in A e una in B oppure una squadra in B e una in C1.

AGEVOLAZIONE ECONOMICA PER I CAMPI IN DISUSO – La Fipap, dal 2018, vuole portare nuovamente la pallapugno negli sferisteri dove non si gioca più da almeno due anni. Così una società di Serie A o B che iscriva una formazione nei campionati di C1 e C2, facendo giocare la seconda squadra in un campo in disuso otterrà agevolazioni economiche. Una società di nuova costituzione che intenda partecipare al campionato di C2 (anche su un campo di adattamento) non pagherà la quota d’iscrizione.

OBBLIGO SETTORE GIOVANILE – Ogni società che iscriva una squadra nelle categorie Senior dovrà avere un numero minimo di formazioni giovanili: tre in Serie A, due in B, una in C1 e C2.

TEMPI PER IL CAMBIO CAMPO – Per le partite di Supercoppa e Coppa Italia 2018 di Serie A sarà sperimentata l’adozione di un apposito timer per controllare il rispetto dei tempi previsti per il cambio campo e l’azione di battuta, secondo il vigente Regolamento tecnico.

Norme_per_anno_sportivo_2018

Vedi anche

Ecco le squadre ai nastri di partenza di A e B

Mercoledì alle 12 scadeva il termine per le società per dire sì o no ai …

2 commenti

  1. Fabrizio Arnaud

    Sembrano innovazioni interessanti e mirate a lasciar spazio ai giovani (che è tema di grande attualità in merito al mercato del lavoro). Molto buono l’intento di rivitalizzare gli sferisteri in disuso, intento che, se andasse a pieno compimento, porterebbe il basso Piemonte (diciamo la provincia di Cuneo al netto del territorio alpino) ad avere uno sferisterio attivo ogni 4-5 comuni : una buona, notevole, densità.
    Meno felice, invece, l’esclusione degli Over: d’accordo eliminare un blocco all’ingresso dei giovani e giovanissimi, specie nei ruoli di terzino e di spalla, però la pallapugno non è il calcio dove se la FIGC si chiama fuori sopperiscono le varie UISP, CSI e chissà quante altre. Qui se la FIPAP – o come si chiama adesso- chiude i rubinetti, muore tutto: pertanto escludendo dalla pratica attiva quelle fasce di età che sono le più legate al balon, probabilmente le si estrania anche dal seguire le vicende delle serie maggiori e delle competizioni ufficiali. In pratica, nel tagliare dei praticanti attempati si eliminano anche dei seguaci/tifosi.
    Meglio sarebbe dare vita a delle filiazioni di federazione che organizzino dei tornei riservati agli Over: Over 50, Over 60 e Over 70, magari con regole adattate all’età dei partecipanti. Qualcosa di simile a ciò che fa il calciotto, cioè il calcio a otto, o alle regole del calcio camminato.
    Sarebbe anche un modo per dare maggior vita ai campi da gioco, non soltanto quelli in disuso.

    Cordialmente
    F. A.

  2. antonino piana

    ‘..intenso lavoro di analisi e di approfondimento….’ cosa è? uno scherzo? una presa in giro? chi si crede di ingannare?

    Niente altro che la ripetizione all’infinito di errori esiziali per il pallone.

    Allegramente verso il precipizio, già in vista……

    ‘ Gli dei accecano coloro che vogliono perdere ( Quos vult Iupiter perdere dementat prius’ Euripide) ma forse molto meglio ‘ Non c’è peggior cieco di chi non vuol vedere’ antico proverbio con radici nel Vangelo in una parabola di Gesù.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *