mercoledì , 23 Ottobre 2019
Home / Pallapugno / Coppa Italia, diamo i numeri finali

Coppa Italia, diamo i numeri finali

Conclusa la tre giorni delle finali di Coppa Italia, facciamo – grazie a Mario Pasquale – un riepilogo generale dei numeri più significativi del torneo. Da capitani hanno vinto la coppa, ma non il campionato: Giorgio e Paolo Vacchetto, Luca Galliano e Oscar Giribaldi. Viceversa hanno vinto il campionato ma non la coppa: Felice Bertola, Carlo Balocco, Marco Pirero e Stefano Dogliotti.

Terzo successo per la formazione di Spigno Monferrato in Coppa Italia. Al primo posto rimane Cuneo con 7 successi, seguita da Imperia a quota 4. Sono 3 le vittorie per Alba e Canale, a quota 2 troviamo Cengio, Monticello, Santo Stefano Belbo. Seguono con un successo altre otto piazze.

Cuneo la società con più partite giocate in Coppa Italia, 132 seguita da Canale con 114, Alba 111, Imperia 101, Santo Stefano Belbo 89, Taggia 69 e Dogliani 65.
Grazie alle 2 partite di quest’anno si porta all’ottavo posto con 59 partite giocate, la società di Spigno Monferrato che supera quella di Ceva ferma a 58 incontri. Sopra le 50 partite nanche Caraglio e Magliano Alfieri con 54. Cortemilia grazie alla qualificazione alle semifinali con Cristian Gatto tocca quota 50 e raggiunge la società di Monticello. Altre 33 società hanno giocato da 1 a 49 partite in coppa.

Riccardo Molinari è il giocatore ad aver disputato più edizioni della coppa, 19; al secondo posto Alberto Sciorella, 18.
Tre battitori che sono stati anche campioni d’Italia al terzo posto. 17 partecipazioni per Giuliano Bellanti, Roberto Corino e Marco Pirero. Nessun giocatore a quota 16 partecipazioni. Bruno Campagno salito a quota 15 ha raggiunto Paolo Danna, Stefano Dogliotti, Flavio Dotta e Giorgio Vacchetto.

Per quel che riguarda invece le partite giocate in Coppa Italia è questa la classifica. Primo posto per Alberto Sciorella 79 partite, secondo Riccardo Aicardi 69 presenze seguito da Riccardo Molinari a quota 66. Marco Pirero si è fermato a 61 incontri. Hanno superato le 50 presenze in coppa anche Giuliano Bellanti 58, Roberto Corino 55, Rodolfo Rosso 53, Giorgio Vacchetto 52, Flavio Dotta e Livio Tonello 51.

Imperia la città che ha ospitato più finali 5, seguita da Alba, Dogliani e Santo Stefano Belbo con 4. Tre volte gli sferisteri di Andora e Cuneo hanno visto scendere in campo le quadrette finaliste. Quest’anno, finale a Caraglio che è salita a quota 2 insieme a Canale, Diano Castello, Ricca e Taggia che ospitò nel 1983 la prima finale.

Primo importante successo per Paolo Vacchetto in Coppa Italia. Resiste al primo posto con 4 successi Massimo Vacchetto eliminato in semifinale dal fratello Paolo. Riccardo Aicardi, Roberto Corino, Paolo Danna, Alberto Sciorella e Rodolfo Rosso nella loro brillante carriera hanno alzato la coppa per 3 volte nel ruolo di battitori.
Rimangono 2 i successi di Bruno Campagno in compagnia di Massimo Berruti, Riccardo Molinari e Giorgio Vacchetto.

Il giocatore che in assoluto ha ottenuto più successi in coppa Italia è Gianni Rigo che ha sollevato il trofeo per 6 volte. 5 le vittorie per Lorenzo Bolla che, con la vittoria ottenuta raggiunge un altro grande terzino, Giulio Ghigliazza.
Quattro le vittorie per Giuliano Bellanti (3 da capitano e una da centrale), Giuliano Massone, Angelo Pellegrini, Walter Re e Massimo Vacchetto. Anche Michele Giampaolo grazie al successo a Caraglio brinda per la quarta volta alla Coppa Italia.
Primo successo in coppa per Francesco Rivetti.

Vedi anche

Sabato la consegna del Balun d’or 2019

Si rinnova l’appuntamento con il Balun d’or 2019: appuntamento sabato 14 settembre alle ore 10 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.