"Chiedo scusa a tutti"

Marco Faccenda, ha scritto una lettera aperta, per spiegare le sua posizione.

“Con riferimento alla notizia circolata sul sito del Coni e rapidamente diffusa in tutto l’ambiente pallonistico inerente la mia positività al controllo antidoping effettuato in occasione della finale del campionato di serie A maschile del 18 ottobre 2008 disputata tra Ricca e San Leonardo, vorrei precisare che quanto rilevato nel primo campione sottoposto ad analisi presso il Laboratorio di Roma mi è attribuibile e non richiederò quindi alcuna controanalisi.

Riconosco di aver sbagliato e questa situazione mi pesa come un macigno. Chiedo scusa a tutti, alla Federazione, al mio club: presidente, allenatore, compagni, amici, dirigenti e tifosi.

Ho danneggiato oltre alla mia immagine anche quella di uno sport meraviglioso. Accetterò e rispetterò qualsiasi decisione degli Organi federali, ma voglio si sappia che l’assunzione – risalente ad alcuni giorni prima della partita – è stata del tutto occasionale e, soprattutto, è avvenuta al di fuori dell’ambito sportivo e non certamente per migliorare le mie prestazioni.

Non ho mai imbrogliato e quello che ho fatto è stato solo un imperdonabile errore. Ho lavorato duramente tutto un anno per conquistare i risultati ottenuti e vorrei quindi essere considerato per quello che sono, un giocatore serio e credibile, innamorato del suo sport, che si è purtroppo lasciato tentare, ignorando le implicazioni che ciò avrebbe potuto avere – anche – in ambito sportivo.

Il mio comportamento è sicuramente biasimevole, ma tengo a ribadire che la mia vicenda nulla spartisce con il doping, come verrà dimostrato nelle sedi competenti con l’ausilio dell’avvocato Giorgio Scanavino, cui ho conferito mandato di tutelarmi.

Questo sfogo non vuole essere una giustificazione al mio comportamento, che giustificazioni non ha, ma semplicemente un doveroso e sentito chiarimento della angosciante vicenda che mi vede coinvolto”.

Vedi anche

I ringraziamenti degli organizzatori dell’All Star Game – Un pugno alla sete

Il presidente del Lions Club Canale-Roero, Gianni Anfossi, con gli organizzatori del torneo ‘All Star …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.