mercoledì , 28 Ottobre 2020

Ve la ricordate la finale scudetto del 2006?

Forse una delle finali più intense, quella tra Albese e Monticellese del 2006, quella che vedeva di fronte le formazioni di Corino e Sciorella. Si parte il 14 ottobre a Monticello e lì Sciorella e compagni (che erano Papone, Nimot e Rolfo) vanno in vantaggio con un successo in rimonta sugli avversari, 11-8. Ritorno ad Alba sette giorni dopo. Questa volta tocca agli albesi (con Corino in campo Massucco, Rigo e Bolla) giocare a inseguire i monticellesi. Che arrivano anche a un rassicurante, 5-9. Gli albesi infilano tre giochi di fila, ma Sciorella si porta davvero a un passo dallo scudetto, 8-10, 0-30. Non basta, il gioco è albese. Stesso copione sul 9-10, ancora 0-30 e ancora gioco in rimonta della formazione di casa. Si va al ventunesimo gioco: questa volta è 40-15 per Corino e compagni, Sciorella non ci sta, 40-40. Due cacce belle per i monticellesi con Corino in battuta che trova bene il muro, mette in difficoltà gli avversari al ricaccio e porta a casa il successo.

Se al Mermet è stata partita da emozioni forti, lo spareggio di Madonna del Pasco chi c’era non se dimentica tanto facilmente. Si arriva ancora sul 10 pari e il pubblico sulle tribune, si alza in piedi e saluta i giocatori in campo con un lunghissimo applauso. Ultimo gioco a 15 per la quadretta di capitan Corino che riporta così lo scudetto ad Alba dopo 14 anni. Più di 10 ore in campo, 61 giochi, si calcola più di 5000 spettatori nelle tre partite.
Roberto Corino su quella partita ha realizzato anche un filmato commemorativo, C’ero anch’io, che vi riproponiamo…

Vedi anche

Assemblea generale ordinaria elettiva della Fipap: pronte le candidature

Domenica 8 novembre, alle 10, presso la sala polifunzionale di Dogliani, si terrà l’Assemblea generale …

Un commento

  1. una finale cosi per un appassionato di pallone come me e dal brasile poi.non ha prezzo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.