lunedì , 20 Gennaio 2020
Home / Pallapugno / Serie A / I volti nuovi della serie A 2020, Fabio Gatti

I volti nuovi della serie A 2020, Fabio Gatti

Sono due i battitori debuttanti in A nella prossima stagione. Uno è Fabio Gatti, che sarà il capitano della quadretta di Santo Stefano Belbo. Un ritorno a casa per lui.

«Ho sempre giocato qui da bambino, con questa maglia ha raccolto le soddisfazioni più belle a livello giovanile. Da cinque campionati ho giocato in altre squadre, tornare per debuttare in serie A ha un sapore particolare».

Forse ci potevi arrivare prima.
«Sono stato vicino un paio d’anni fa, ma ha preferito rimanere in B. Mi dà fiducia il fatto che con molti battitori che sono passati in A e che hanno dimostrato di poterci stare nella massima serie, me la giocavo in B: ecco questo è il mio obiettivo, ritagliarmi un posticino per poter rimanere in serie A più a lungo possibile».

Preoccupazioni maggiori?
«Un po’ di esperienza sul pallone l’ho fatta, direi, e poi anche in B ci alleniamo duramente. Questi aspetti quindi mi preoccupano un po’ meno, piuttosto quello psicologico. Ci saranno momenti difficili, dove magari perderemo qualche partita di fila e allora dovremo essere bravi a resistere e a non perdere fiducia. Questo sì, sarà fondamentale nel nostro campionato».

Avrai sempre Riella al tuo fianco e un nuovo coach, Giorgio Vacchetto in panchina.
«Con Loris mi trovo bene in campo e in quel ruolo è tra i più forti. Anche il resto la squadra è di qualità. Il valore aggiunto, però, credo sia proprio Giorgio: il direttore tecnico giusto al momento giusto per me in questo passaggio di categoria: la sua competenza la conoscete».

Almeno non avrai problemi di ambientamento.
«Il campo di Santo Stefano Belbo lo conosco in ogni angolo. Non so quante volte ci avrò giocato dentro, in partita o in allenamento. La speranza è quella che il fattore campo diventi il nostro punto di forza».

Vedi anche

Le novità della serie A 2020, Gianni Barbero

Gianni Barbero non ha bisogno di presentazioni nel mondo del balon: sponsor, ma con la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.