Home / Bracciale / Domenica si torna a giocare a Chianciano con le finali del campionato italiano di pillotta

Domenica si torna a giocare a Chianciano con le finali del campionato italiano di pillotta

Domenica a Chianciano Terme, nello sferisterio comunale inutilizzato da oltre 60 anni, in programma le finali del campionato italiano giovanile di pillotta per le categorie Under 16, 14 e 12: in campo Spes Savona, Carlo Didimi Treia, Comitato Contrade Chiusi, Compagnia Pallone Grosso Misericordia Monte San Savino e Club Sportivo Firenze. Al mattino, dalle 9,30, si parte con il torneo Under 16 maschile (con girone all’italiana di sola andata e classifica finale a punti), nel pomeriggio dalle ore 15, l’Under 12 maschile a seguire l’Under 14 maschile.

Vedi anche

Ecco le squadre ai nastri di partenza di A e B

Mercoledì alle 12 scadeva il termine per le società per dire sì o no ai …

4 commenti

  1. Fabrizio Arnaud

    Un po’ difficile orientarsi tra tutte queste varianti, spesso debitrici di modelli di gioco iberici o francesi.

    In questo caso, se il nome ha ancora un senso, dovrebbe trattarsi di qualcosa di simile alla pelota basca, o alla pelota valenciana.

    Qui sopra si parla poi di palla elastica, che davvero non si capisce in che cosa si differenzi dall’ex pallone elastico, e di palla al bracciale, che quantomeno ha nella particolare copertura del braccio un tratto identificativo.

    Detto ciò, credo che non convenga a nessuno, e men che meno alla FIPAP, confondere l’unico sport semi-professionistico, limitato a due sole provincie ma assai diffuso in esse e facilmente estensibile a (detto in altro modo: “recuperabile in”) altre tre provincie (AL-AT-SV), con manifestazioni di sportività o di svago popolare, talvolta sconfinanti nel folcklore, che coprono micro-zone isolate e a bassissima densità abitativa.

    E giusto dare spazio e voce a forme antiche di divertimento associate a qualche tratto di prestazione fisica, o di abilità manuale o quant’altro, non è però pensabile che laddove questo svago si è elevato a vera pratica sportiva con un séguito popolare, cioè nel basso Piemonte e nella Liguria di Ponente, esso venga confuso con forme di gioco che non hanno superato quando era il momento, e non lo supereranno di certo nel terzo millennio, la fase del puro diletto.

    • La pillotta è il nome della specialità riservate alle categorie giovanili del bracciale. E il bracciale è l’antesignano di tutti gli sport sferistici. Anche del tennis. Il Trattato del Giouco della palla di Messer Scaino, dove è codificato il gioco del bracciale, è del 1555.
      Un saluto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *