Federation Cup, vincono i maestri

Due giorni di gare a Nizza Monferrato per la Federation Cup con dieci nazioni presenti: Australia, Belgio, Giappone, Inghilterra, Irlanda, Italia, Paesi Baschi, Portorico, Olanda e Stati Uniti (mancano le formazioni del centro e sud America, protagoniste ai Mondiali in Ecuador e la Francia, bloccata dalla neve).
La formula è quella della Coppa Davis del tennis: match a squadre al meglio dei tre incontri, due doppi ed un singolo; in campo anche le formazioni femminili, impegnate solo in singolo.

Erano i grandi favoriti del torneo maschile e non hanno tradito le attese: americani, portoricani, irlandesi e baschi hanno dimostrato di avere una marcia in più. Gli americani sono i maestri visto che giocano ad handball nei parchi di New York come nella palestre dell’Idaho, i portoricani arrivano quasi tutti dagli Stati Uniti, in Irlanda l’handball è nato, nel Paesi Baschi è facile adattarsi dalla specialità mano della pelota basca all’one wall.
Così hanno passato facilmente il primo turno, approdando in semifinale. All’Irlanda non è bastato Paul Brady, il campione mondiale nella specialità a quattro muri, il titolo se lo giocano Stati Uniti e Portorico. Finale tiratissima, anche se risolta in due partite, i due doppi, dagli statunitensi John “Rookie” Wright, iridato nel one wall, Steve Robalino e Willy Polanco, già vincitore degli Open d’Italia 2007, e Roland Bown III. Ai portoricani non basta l’estro di Giovanni Vasquez o le giocate di Francisco Aponte, Rickye Montalvo, Edgar Diaz: è secondo posto.
Le squadre eliminate nel primo turno si sono giocati i piazzamenti dal quinto al decimo posto in un nuovo torneo chiamato Barbera Cup. C’è anche l’Italia presente con Bruno Campagno, Enrico Rinaldi, Massimo Vacchetto, Gianluca Busca, Andrea Corino, Luigi Cotti e Massimo Savio.
Gli azzurri per un solo punto (10-11) nel singolo decisivo con l’Inghilterra sono fuori dalla finale vinta dal Belgio (Bastien Vanufelen, Philip Demil, Wouter Wielandts, Greg Van Impe), che dunque è quinto sull’Inghilterra (Ady Lee, Dan Grant, Peter Cohen, Peter White), sesta.

Nel torneo femminile tutto da copione: finale Usa-Portorico. Questa volta, però il successo è delle portoricane (Maria Rivera, Stefanie Vega, Raquel Murphy) che piegano 2-0 le statunitensi (Teresa Mc Court e Dori Ten). L’Italia ha schierato due formazioni, entrambe under 18, con Viola Massarorro, Sara Scapolan, Giulia Crivellaro e Manuela Cane. Nella pool iniziale c’era poco da fare proprio con Usa e Portorico, nei play-out non basta la ‘difesa’ contro la squadra inglese, per evitare le ultime due posizioni nella classifica finale.

Nella foto, la nazionale statunitense, vincitrice della Federation Cup.

Vedi anche

One wall, quattro azzurri a Londra. In attesa della tappa di Palermo dell’European Tour

Sono partiti in quattro per Londra per partecipare al torneo di Londra, tappa dell’European Tour …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.