Home / In risalto / Il 18 ottobre sapremo quali saranno le squadre al via di A e B

Il 18 ottobre sapremo quali saranno le squadre al via di A e B

Save the date. 18 ottobre, ore 12: entro questo termine le società che hanno il diritto di partecipare ai campionati di serie A e B 2018 ‘sono tenute a trasmettere – così si legge nella circolare della Fipap -, pena la decadenza del titolo sportivo posseduto, alla Segreteria Federale una dichiarazione sottoscritta dal presidente della società attestante la volontà della medesima di esercitare tale diritto’ e inoltre che ‘le società di serie B, interessate dalla promozione o dall’eventuale ripescaggio in serie A, nonché la squadra retrocessa dalla serie A (ed analogamente le società di serie C1 potenzialmente interessate dall’eventuale ripescaggio in serie B) sono tenute a comunicare, nei medesimi termini e forme, il proprio intendimento in ordine all’esercizio della conseguita promozione o dell’eventuale ripescaggio, fatto salvo quanto disposto dalla circolare Delibere per l’anno sportivo 2018 del 21 agosto circa le conseguenze relative in caso di rinuncia a esercitare il diritto acquisito a seguito della conseguita promozione’.
Cosa prevede allora la circolare Delibere per l’anno sportivo 2018? Che la serie A sarà a 10 squadre, mentre la B a 12, ma fissa anche i criteri per eventuali ripescaggi. Nel dettaglio, ’in caso di rinuncia ad esercitare il diritto sportivo di serie A da parte della prima classificata di serie B 2017 (nonché, a scalare, di squadra già avente diritto a disputare la serie A nel 2018), tale diritto sarà messo a disposizione, nell’ordine:
a) della seconda classificata di serie B 2017;
b) della terza classificata di serie B 2017;
c) della quarta classificata di serie B 2017;
d) della squadra retrocessa dalla serie A 2017.
Precedenza dunque alle squadre semifinaliste in B (le due finaliste, Neivese e Pro Paschese, oltre a Virtus Langhe, mentre la Subalcuneo, avendo già una squadra nella massima serie è di conseguenza esclusa), e a seguire alla squadra retrocessa (l’Imperiese).
Lo stesso criterio vale per la B. La Canalese ha vinto il campionato di C1, ma vista la norma che ‘una
medesima società non potrà iscrivere due squadre di cui una in serie A e una in serie B’ il diritto passa nell’ordine a Priocchese e Benese, mentre la quarta semifinalista, la Caragliese è esclusa vista la presenza di una squadra in B, e a seguire alle due retrocesse, Valle Arroscia e Valle Bormida.
Il 18 ottobre avremo dunque l’ufficialità di quali squadre saranno al via di A e B. Nella massima serie le nove squadre che hanno il diritto (Castagnolese, Canalese, Subalcuneo, Alta Langa, Cortemilia, Augusto Manzo, Bubbio, Merlese e Pro Spigno) sono intenzionate a partecipare; resta in ballo l’ultimo posto: le due finaliste Neivese e Pro Paschese sarebbero per il no, la Virtus Langhe ci sta ragionando, mentre l’Imperiese vorrebbe rientrare in A.

Diritto Sportivo 2018
Norme per anno sportivo 2018

Vedi anche

Come sta Massimo Vacchetto?

Come sta Massimo Vacchetto? Abbiamo detto dell’infortunio alla spalla ai Mondiali in Colombia, poi abbiamo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *