Home / In risalto / Serie A 2018, Andrea Pettavino

Serie A 2018, Andrea Pettavino

Nuova avventura per Andrea Pettavino, nuovo capitano della quadretta di Bubbio.
«Gli stimoli sono tantissimi: dopo una stagione difficile complici gli infortuni, sono pronto ad affrontare questa nuova esperienza con grande entusiasmo».

Un’annata di rilancio?
«Questo lo dirà il campo: di sicuro mi sono trovato benissimo subito. Un ambiente ideale. Gioco con la spalla (Davide Amoretti, ndr) che considero il top per il mio tipo di gioco, e penso che siamo completi in tutti i reparti (i terzini sono Franco Rosso e Luca Mangolini, con Gian Gurcan Das a completare la rosa, ndr). Un gruppo ben assortito, anche a livello caratteriale».

Cosa ti ha detto il patron Bianchi?
«Mi ha voluto fortemente e questo mi ha fatto molto piacere. Si vede che gli vado a genio… Spero di lasciare a lui, a tutta la dirigenza, ai tifosi, agli sponsor (confermato Bioecoshop), un bel ricordo. E speriamo più a lungo possibile».

Dovrai abituarti allo sferisterio di Monastero Bormida dove qualche brutto ricordo ce l’hai?
«Questa è un po’ l’incognita, ma voglio adattarmi prima possibile. In fondo anche quando sono andato in Liguria mi avevano detto che non era il campo e invece…».

Cambia anche la guida tecnica, le prime impressioni di Giulio Ghigliazza?
«Anche lui ha spinto per il mio arrivo a Bubbio. Dai primi discorsi mi è sembrato subito molto tecnico. Non vedo l’ora di essere con lui ad allenarmi sul pallone».

Ovviamente la preparazione è iniziata.
«Sì, tutti in palestra anche se non sempre insieme. Appena ci saranno le condizioni, il nostro primo obiettivo è di lavorare tanto al campo per crescere, io come capitano e tutti insieme come squadra visto che dobbiamo conoscerci meglio in campo. Ma, ripeto il gruppo c’è, e non credo che ci metteremo molto».

Vedi anche

Serie B, ultime due giornate per conoscere l’ultima squadra ai play-off

Ultime due giornate, tra venerdì e martedì, per la serie B: resta da definire solo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.